Commercio su aree pubbliche

Le aree pubbliche sono le strade, i canali, le piazze, comprese quelle di proprietà privata gravate da servitù di passaggio e ogni altra area di qualunque natura destinata a uso pubblico.

Il commercio su aree pubbliche può essere svolto con le seguenti modalità:

  • A) su posteggi dati in concessione per un periodo stabilito dal comune (aree mercatali e posteggi isolati);
  • B) su qualsiasi altra area purché in forma itinerante;

Entrambe le attività necessitano di preventiva autorizzazione del Comune.

Il titolo autorizzatorio per l’esercizio di commercio su aree pubbliche dei prodotti alimentari è idoneo anche per la somministrazione di alimenti e bevande su aree pubbliche, nel rispetto delle normative igienico sanitarie, anche ai fini della manipolazione e cottura degli alimenti previa comunicazione alla competente autorità.

I posteggi di nuova istituzione o liberi sono assegnati previa emanazione di bandi ad evidenza pubblica.

I posteggi esistenti possono essere assegnati anche a seguito di regolare subingresso (cessioni e affitti d’azienda, etc.)

Le attività devono essere avviate entro sei mesi dal rilascio delle autorizzazioni  previo assolvimento degli obblighi amministrativi, fiscali, previdenziali e assistenziali.

L’organizzazione di eventi, fiere e sagre è soggetta ad autorizzazione e, per i casi previsti, a preventiva valutazione da parte della commissione consultiva comunale con richiesta da presentare l’anno precedente a quello dell’evento.

Possesso dei requisiti professionali, morali e insussistenza delle cause ostative in materia antimafia ove previsto nei relativi procedimenti di avvio delle attività.

I requisiti devono essere posseduti anche dal preposto all’attività.

I requisiti professionali per il commercio alimentare sono costituiti, alternativamente, da:

  • corso professionale per il commercio, la preparazione o la somministrazione di alimenti riconosciuto dalle regioni o dalle provincie autonome di Trento e Bolzano;
  • prestazione d’opera per almeno due anni, anche non continuativi, nel quinquiennio precedente in proprio o presso imprese del settore alimentare o della somministrazione, in qualità di dipendente qualificato - addetto alla vendita o all’amministrazione o alla preparazione degli alimenti, o in qualità di socio lavoratore o, se trattasi di coniuge, parente o affine, entro il terzo grado, dell’imprenditore in qualità di coadiuvante familiare, comprovata dalla iscrizione all’Istituto nazionale della previdenza sociale.
  • diploma di scuola secondaria superiore o di laurea, anche triennale, o di altra scuola ad indirizzo professionale, purché nel corso di studi siano previste materie attinenti al commercio, alla preparazione o alla somministrazione degli alimenti. 

Gli operatori devono altresì possedere la carta d’esercizio e l’attestazione annuale vidimata.

 

I posteggi hanno dimensioni stabilite dal comune come indicato nella concessione.

Nel caso in cui, per le attività su posteggi con “chiosco”, occorra effettuare delle modifiche di tipo edilizio, è necessario trasmettere idonea pratica al Comune di Pavia (tramite SUAP telematico) con particolare attenzione a quanto segue:

  • in caso di opere che incidono sull’aspetto esteriore dell’immobile, occorre preventivamente verificare la necessità di richiedere al Comune di Pavia  Autorizzazione Paesaggistica, tramite SUAP telematico;
  • in caso di intervento su immobile con vincolo storico-culturale, occorre richiedere preventivamente Nulla Osta alla Soprintendenza, tramite SUAP telematico.

Gli uffici possono fornire informazioni rispetto alla possibilità di operare in “concentrazione dei regimi amministrativi”.

Avviare, modificare, cessare l’attività  … oppure …effettuare lavori sull’immobile destinato all’attività.

Le pratiche devono essere inoltrate esclusivamente utilizzando la procedura informatica all'uopo predisposta (sito web).

L'invio alternativo di pratiche allegate a messaggi di Posta Elettronica Certificata non è consentito: la ricevuta generata automaticamente dal gestore della casella non produce alcun effetto amministrativo ai fini dello svolgimento dell' attività di impresa.

La pratica dovrà essere inoltrata al SUAP accedendo al sito "http://www.impresainungiorno.gov.it/"  e selezionando "accedi al SUAP del Comune di ...".

 

Link correlati

Di seguito la documentazione relativa alle disposizioni comunali.

Link correlati

Data ultima modifica: 08/06/2018

Servizio di riferimento

Sportello Unico per le Attività Produttive

S.U.A.P.
Via Foro Magno, 7
suap@comune.pv.it
Tel: 0382 399 601

Responsabile del servizio:
Armanda Bruschi
abruschi@comune.pv.it
Tel: 0382 399602