Comune di Pavia Comune di Pavia
 
 
Il Comune

DISPOSIZIONI URGENTI PER IL CONTENIMENTO DELL'INQUINAMENTO ATMOSFERICO NEL COMUNE DI PAVIA NEI GIORNI 28 29 30 DICEMBRE 2015.

Stemma del Comune di Pavia

Premesso:

che il miglioramento della qualità dell’aria attraverso la riduzione delle emissioni inquinanti in atmosfera costituisce azione prioritaria ed imprescindibile ai fini della tutela e protezione della salute dei cittadini e dell’ambiente; 

che nonostante i significativi risultati conseguiti negli ultimi anni in termini di riduzione dei principali inquinanti persistono significative criticità relativamente al particolato fine;

 che le concentrazioni in atmosfera di PM10 permangono al di sopra dei livelli fissati dalle direttive europee vigenti, a causa delle peculiari condizioni orografiche e meteo-climatiche del bacino padano e della densità delle attività antropiche che caratterizzano il territorio della Città  di Pavia, determinando una significativa vulnerabilità ambientale sotto il profilo della qualità dell’aria;

che, al fine di garantire il miglioramento della qualità dell’aria attraverso la riduzione delle emissioni inquinanti in atmosfera, il Comune di Pavia ed i  territori limitrofi, si sono attivati garantendo il coordinamento e la condivisione delle iniziative di propria competenza adottate;

 che è stato previsto un protocollo di azioni per il miglioramento della qualità dell’aria, quale strumento attuativo, capace di facilitare l’immediata attuazione di strategie comuni intese a implementare le politiche di miglioramento continuo ed ulteriore della qualità dell’aria, sia rispetto all’applicazione uniforme su tutto il territorio provinciale delle misure adottate, sia rispetto alla verifica concreta e statisticamente attendibile dei risultati conseguiti dalle predette misure;

che le misure disposte entrano in vigore  per il contenimento dell’inquinamento atmosferico al verificarsi della condizione di superamento della soglia giornaliera di 50 microgrammi per metro cubo di PM 10 rilevati da ARPA Lombardia, quale media aritmetica dei valori rilevati dalla totalità delle centraline posizionate sul territorio provinciale, per la durata di 10 giorni consecutivi;

 che nonostante le misure previste dalla suddetta ordinanza siano in vigore dal 15 ottobre 2015 le concentrazioni di PM10 non sono ancora scese sotto la soglia giornaliera di 50 microgrammi per metro cubo;

Ritenuto necessario intervenire con ulteriori misure di contenimento atte alla riduzione delle emissioni in atmosfera di PM10 con particolare riferimento a quelle da traffico veicolare;

 

Visti:

gli artt. 6 e 7 del D.Lgs. 30.4.1992 n° 285 e s.m.i.;

 la Legge Regionale 11 dicembre 2006, n° 24 " Norme per la prevenzione e la riduzione delle emissioni in atmosfera a tutela della salute e dell’ambiente";

 il Decreto Legislativo 13 agosto 2010, n.155 “Attuazione della direttiva 2008/50/CE relativa alla qualità dell’aria ambiente e per un’aria più pulita in Europa.”

 l’art. 50 del Testo Unico sull'ordinamento degli Enti Locali adottato con Decreto Legislativo 18 Agosto 2000 n. 267;

ORDINA

che a dal 28 dicembre 2015 al 30 dicembre 2015 compresi è vietata la circolazione su tutto il territorio cittadino a tutti i veicoli dalle ore 10:00 alle ore 16:00. 

 Il divieto di circolazione non si applica sui seguenti tratti di strade ricadenti nel territorio comunale:

·        tratti autostradali, strade statali e provinciali
·        tratti di strade di collegamento tra il confine comunale e i seguenti parcheggi periferici

Il divieto di circolazione si applica nell'area delimitata e circoscritta dalle seguenti vie o parcheggi:

  • v.le Cremona  (da via Amendola per area parcheggio per chi arriva da EST)
  • viale Lodi – Campari (consentito solo sino al raggiungimento dei parcheggi di via Stafforini)
  • strada Paiola (solo sino via Ferrari)
  • via Lardirago ( consentito sino parcheggio via Tavazzani)
  • via Montemaino-via Vigentina
  • via Vigentina - via Treves consentito sino parcheggio Palaravizza
  • via Poligogna altezza via Mirabello
  • via Olevano ( consentito solo  sino a parcheggio via Moggi-uscita via Reale )
  • viale Brambilla ( da uscita Tang Nord)
  • via Repubblica ( consentito sino  parcheggio Stadio)
  • via Aselli (rotatoria con via Abbiategrasso)
  • Via Taramelli- Forlanini
  • via Riviera -Adda
  • viale Libertà (sino via Cavallini solo sino parcheggio via Colombo -cooperativa parcheggiatori)
  • via XXV Aprile
  • via Dei Mille-Bramante
  • via Strada del Siccomario -argine località -Chiavica

L’inosservanza delle misure di cui al presente provvedimento sarà punita ai sensi dell’art. 6 e dell'art. 7, comma 13 bis del D.Lgs. 285/92 e s.m.i. con una sanzione pecuniaria amministrativa da Euro 164,00 ad Euro 663,00 .

 I veicoli derogati e comunque non soggetti ai divieti della presente ordinanza sono tenuti al rispetto delle discipline viabilistiche vigenti sul territorio del Comune di Pavia, la cui violazione sarà sanzionata ai sensi del D. Lgs. 30 aprile 1992 n° 285 e s.m.i. (Nuovo Codice della Strada).

Fanno eccezione, e quindi possono circolare in deroga al divieto di circolazione le seguenti tipologie o categorie di veicoli:

  • a)      velocipedi;
  • b)     veicoli elettrici, ibridi plug-in e ibridi range-extended;
  • c)      Ambulanze
  • d)     veicoli delle Forze Armate, Forze di Polizia, Polizia Locale, Vigili del Fuoco, Protezione Civile, ASL, Aziende Ospedaliere, Corpo Forestale
  • e)      veicoli in dotazione di Enti Locali e dello Stato solo per emergenze o obblighi di legge;
  • f)      veicoli del car sharing
  • g)     veicoli a servizio del bike sharing;
  • h)     taxi di turno, autobus in servizio pubblico di linea, autobus e autoveicoli in servizio di noleggio con conducente;
  • i)       veicoli per trasporti specifici e per uso speciale esercenti esclusivamente pubblico servizio in materia di gas, energia elettrica e termica, acqua, illuminazione, trasporti, telecomunicazioni, igiene ambientale, raccolta rifiuti e di ausilio agli organi di polizia stradale;
  • j)       veicoli muniti di contrassegno per il trasporto di portatori di handicap. Per il tragitto senza la presenza della persona portatrice di handicap a bordo è necessario munirsi di apposito permesso rilasciato dal Servizio Mobilità, dietro esibizione di dichiarazione sostitutiva atto di notorietà (autocertificazione) nella quale il conducente dichiari il percorso e l’orario;
  • k)     veicoli utilizzati per il trasposto di persone o animali sottoposte a terapie od esami indispensabili o dimesse da Ospedali e Case di cura in grado di esibire relativa certificazione medica o prenotazione o foglio di dimissione. Per il tragitto-percorso senza la persona o l’animale che deve essere sottoposta a terapia od esami indispensabili o che deve essere dimessa è necessario esibire adeguata documentazione o dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà (auto- dichiarazione) nella quale il conducente dichiari il percorso e l'orario; 
  • l)       veicoli utilizzati da operatori sanitari e assistenziali in servizio con certificazione del datore di lavoro o dell’Ente/Azienda per cui operano che dichiari che l'operatore sta prestando assistenza domiciliare a persone affette da patologie per cui l'assistenza domiciliare è indispensabile;
  • m)   veicoli utilizzati da persone che svolgono servizi di assistenza domiciliare a persone affette da grave patologia con certificazione in originale  rilasciata dagli Enti competenti o dal medico di famiglia; 
  • n)     veicoli utilizzati da soggetti donatori di sangue in grado di esibire documentazione rilasciata dalla struttura sanitaria ricevente o da associazioni di donatori di sangue riconosciute da cui si evinca il luogo e l’orario della donazione; 
  • o)     veicoli di soggetti che fanno parte di associazioni di volontariato diretti a strutture ospedaliere e altri ricoveri assimilati, nonché strutture socio-assistenziali o di detenzione, purché i volontari siano muniti di certificazione rilasciata dal Presidente dell’Associazione sulla quale deve essere indicata la struttura presso la quale devono recarsi nonché l’orario di svolgimento dell’attività di volontariato;
  • p)     veicoli utilizzati da medici e veterinari in visita domiciliare con medico a bordo munito di tessera dell' Ordine professionale; 
  • q)     veicoli utilizzati da medici e operatori sanitari in turno di reperibilità nell'orario del blocco; 
  • r)       veicoli utilizzati per il rifornimento urgente di medicinali;
  • s)      veicoli utilizzati da lavoratori con certificazione rilasciata dal datore di lavoro, quando dalla stessa risulti un orario di inizio o fine turno, al di fuori degli orari di servizio dei mezzi di trasposto pubblico o sede di lavoro non servita dai mezzi medesimi;
  • t)       veicoli per il trasporto di pasti per il rifornimento di mense ospedaliere, case di riposo per anziani o strutture sanitarie ed assistenziali;
  • u)     veicoli utilizzati dall’Autorità Giudiziaria, dagli Agenti e Ufficiali di Polizia Giudiziaria in servizio e con tesserino di riconoscimento; 
  • v)     veicoli utilizzati da giornalisti in servizio con certificazione rilasciata dal datore di lavoro attestante il tipo di attività svolta;
  • w)   veicoli al servizio di testate televisive e per riprese cinematografiche con a bordo i  mezzi di supporto, di ripresa, i gruppi elettrogeni, i ponti radio ecc.;
  • x)     veicoli utilizzati da lavoratori che stanno rispondendo a chiamata in reperibilità e di artigiani della manutenzione e della assistenza per interventi tecnico-operativi urgenti e indilazionabili riconoscibili dalla livrea o in grado di esibire la relativa documentazione;
  • y)     veicoli o mezzi d' opera per i quali sono state precedentemente rilasciate autorizzazioni dai Settori comunali competenti o autorizzati con nulla osta del Servizio Mobilità per quanto concerne le operazioni di trasloco o allestimenti che prevedono occupazione di suolo pubblico;
  • z)      veicoli di imprese che eseguono lavori per conto del Comune o per conto di Aziende di sottoservizi, forniti di adeguata documentazione dell’Ente per cui lavorano;
  • aa)  veicoli utilizzati dai partecipanti alle funzioni relative a battesimi e matrimoni e alle Sacre manifestazioni, purché forniti di adeguata documentazione (sarà sufficiente esibire gli inviti o le attestazioni rilasciate dai ministri officianti);
  • bb) veicoli di incaricati dei servizi di pompe funebri e trasporti funebri;
  • cc)  veicoli in arrivo ed in partenza presso strutture ricettive muniti di apposita documentazione;
  • dd) veicoli destinati o provenienti verso/da scali aerei, ferroviari e marittimi muniti di apposito biglietto di viaggio;

Gli orari ed il tragitto in cui è consentito circolare devono essere congrui con la motivazione  dell'esonero.

Le dichiarazioni mendaci sono punite ai sensi del Codice Penale come richiamato dall'art. 76 D.P.R. 445 del 28/12/2000. 

INVITA 

Al rispetto del limite di velocità massimo di 30 km/h per tutte le categorie di veicoli succitati, fatta eccezione per i veicoli indicati alla lettera h) nonché alle lettere c) e d) in servizio di emergenza. 

AVVISA CHE 

Ulteriori deroghe a quanto previsto nel presente provvedimento possono essere autorizzate in caso di eccezionale e documentata evidenza dal Servizio Mobilità. 

La presente Ordinanza diverrà immediatamente esecutiva con la pubblicazione all’Albo Pretorio e ne sarà data ampia diffusione mediante il sito internet comunale, comunicati stampa ai quotidiani, e con ogni mezzo a disposizione.

 I1 Corpo di Polizia Locale curerà l'osservanza delle presenti prescrizioni  fermo restando il perseguimento delle violazioni da parte di tutti gli organi di Polizia e Vigilanza dello Stato.

 Avverso il presente provvedimento è ammesso:

  • ­         ricorso al Tribunale Amministrativo Regionale della Lombardia entro i termini previsti dal D. Lgs. n° 104/2010;
  • ­         ricorso straordinario al Presidente della Repubblica, ai sensi del D.P.R. 24 novembre 1971 n. 1199, entro 120 giorni.

Tutti i termini di impugnazione decorrono dalla pubblicazione del presente provvedimento all’albo pretorio.

IL SINDACO

 
Scaduto il 31/12/2015