Polizia urbana, sicurezza e Protezione civile, Cultura, Turismo e Sport, EMERGENZA COVID 19
11 maggio 2020

EMERGENZA COVID 19 - Comunicazioni agli sportivi sull'utilizzo del CAMPO CONI-Pavia

 

Si condividono le presenti comunicazioni agli sportivi sull'utilizzo del CAMPO CONI-Pavia, in attuazione dell'ordinanza di Regione Lombardia 541/2020.

FOGLIO PATTI E CONDIZIONI  

1. L'utilizzo dell'impianto "Campo Coni" del Comune di Pavia è consentito previa prenotazione e-mail (prenotacampoconi@comune.pv.it) al fine di regolamentare gli accessi, nel rispetto delle prescrizioni di cui all'art. 1) comma 3 dell'ordinanza regionale che precisa che i gestori degli impianti sportivi "devono assicurare il contingentamento degli ingressi, l'organizzazione di percorsi idonei e l'adozione di tutte le misure utili per assicurare il distanziamento sociale e il divieto di assembramento".

2. L'impianto potrà accogliere non più di 20 atleti contemporaneamente di cui al massimo 12 in pista (a cui si aggiungono gli eventuali allenatori o preparatori atletici che dovranno mantenere le necessarie misure di distanziamento).

3. Al fine di evitare assembramenti e di accontentare tutte le richieste che perverranno, la permanenza all'interno del Campo non potrà superare le 2 ore.

4. Gli orari di apertura dell'impianto sono i seguenti:

- lunedì ore 14.00-20.00;
- dal martedì al venerdì ore 9.00-20.00;
- sabato ore 9.00-17.00. 

5. La richiesta di accesso all'impianto deve essere trasmessa via e-mail all'indirizzo prenotacampoconi@comune.pv.it.
Ciascuna società sportiva dovrà inviare, entro il giovedì della settimana precedente, le richieste di utilizzo dell'impianto per la settimana a venire, indicando le seguenti informazioni:

- nome e cognome dell'atleta, specificando se di interesse nazionale;
- disciplina praticata;
- giorno/i e orari di utilizzo.

Non sono prese in considerazione richieste da singoli atleti o singoli allenatori.

6. All'e-mail di prenotazione farà seguito la risposta del personale del Servizio Sport che darà conferma dell'avvenuta prenotazione, autorizzando così la società ad accedere all'impianto con i propri atleti nei giorni e orari richiesti.
Diversamente si comunicherà che non è possibile accedere all'impianto viste le richieste già accordate e si proporranno altri giorni per individuare la soluzione ottimale.

7. Come ribadito dall'ordinanza regionale n. 541/2020 è vietata "la fruizione di spazi e servizi accessori (ad esempio, palestre, luoghi di socializzazione, bar e ristoranti, docce e spogliatoi), fatto salvo per quanto riguarda i locali di transito necessari agli accessi e i locali adibiti a servizi igienici"
Gli spogliatoi sono pertanto chiusi e i servizi igienici a disposizione di atleti e tecnici sono quelli situati sotto le tribune.

8. L'impianto è presidiato da personale comunale con funzioni di custodia per l'intero tempo di apertura con compiti anche di verifica degli ingressi e per una vigilanza di carattere generale circa il rispetto delle prescrizioni da parte degli atleti e dei tecnici accompagnatori.
Nel caso si verificassero comportamenti non conformi a quanto disposto, il personale in servizio è tenuto a darne immediata comunicazione al responsabile del Servizio Sport del Comune di Pavia.

9. È fatto salvo quanto previsto dall'Ordinanza n. 539 del 3 maggio 2020 e in particolare dal punto 1.1 dell'art. 1 che stabilisce che "Per coloro che svolgono attività motoria intensa non è obbligatorio l'uso di mascherina o di altra protezione individuale durante l'attività fisica intensa, salvo l'obbligo di utilizzo alla fine dell'attività stessa e di mantenere il distanziamento sociale".

10. Per le diverse discipline, si riportano le misure da adottare per il corretto e responsabile svolgimento delle sessioni di allenamento.

LANCI
L'atleta deve essere in possesso di attrezzi personali.
Nel caso non li possedesse, ogni atleta alla fine dell'allenamento dovrà personalmente garantire la sanificazione dell'attrezzo che dovrà essere riposto in apposite ceste all'uopo destinate. 

MEZZOFONDO
Le ripetute potranno anche essere effettuate da più atleti nella stessa corsia purché con partenze distanziate. La distanza di 3 metri tra un atleta e l'altro deve essere mantenuta durante la prova.
Diversamente gli atleti devono essere disposti su corsie diverse e alternate.

Gli esercizi a terra di gruppo dovranno essere effettuati mantenendo una distanza fra i singoli atleti di tre metri e lo stesso criterio vale anche per altri esercizi come lo skip e similari o altri esercizi eseguiti con gli ostacoli.

SALTI IN ESTENSIONE
Fra un esercizio e l'altro o nel caso di un singolo atleta alla fine del lavoro la sabbia dovrà essere rivoltata con rastrello o pala dal tecnico dotato di guanti in lattice.

ZONA DI CADUTA SALTO IN ALTO
Salvo avere la possibilità di riservare tali attrezzature ad un singolo atleta per tutto il periodo di "apertura regimentata", la Fidal propone di far dotare ogni singolo atleta di un personale foglio di cellophane di sufficiente resistenza e delle dimensioni approssimative di m 3,00 x 4,00 da stendere e rimuovere dalla zona di caduta a conclusione di ogni singola prova o dell'allenamento se riferito ad un solo atleta in pedana.

AREE ESTERNE ALL'ANELLO MA DI PERTINENZA DELL'IMPIANTO
Potranno essere utilizzate per l'allenamento dei mezzofondisti ma sempre nel rispetto del criterio di distanziamento maggiorato.

FONTANELLE
L’approvvigionamento dell’acqua delle fontanelle dell’impianto è consentito ma raccomandando di dotarsi di borracce personali e di bicchieri di plastica e utilizzare i guanti di protezione.

Comune di Pavia, piazza del Municipio 2, 27100 Pavia Settore 3 – Scuola, Politiche Giovanili e Sport – Servizio Sport Dirigente: dott.ssa Ivana Dello Iacono | 0382.339221 | idelloiacono@comune.pv.it Responsabile del Servizio: dott.ssa Cristina Tiengo | 0382.399229 | cristina.tiengo@comune.pv.it Responsabile UOI Gestione Impianti Sportivi: arch. Cesare Colli | 0382.545091 | ccolli@comune.pv.it