Polizia Locale e Protezione Civile
27 giugno 2022

RISCHIO TEMPORALI

 

Un robusto promontorio anticiclonico si estende dal Nord Africa a tutta la penisola italiana, a cui si associa l'afflusso di aria molto calda di origine sahariana. Più a Ovest, tra la Penisola Iberica e la Francia, scorrono da Sud-Ovest verso Nord-Est masse d'aria più fresche e instabili, che lambiscono inoltre i settori alpini più occidentali. Per la giornata di oggi 27/06 permangono condizioni di stabilità e assenza di fenomeni nel corso del pomeriggio, tuttavia dalla serata sarà possibile la formazione di locali rovesci e temporali sulle Alpi, in movimento da Sud-Ovest verso Nord-Est. Si segnala che, in forma isolata, i fenomeni potranno assumere carattere anche di forte intensità. Un nucleo perturbato proveniente dalla Spagna arriverà sul Nord Italia nel corso della giornata di domani 28/06, apportando spiccate condizioni di instabilità su tutta la regione. Sono quindi attese precipitazioni diffuse e localmente abbondanti, a prevalente carattere di rovescio o temporale, in particolar modo nel pomeriggio e in serata. Si prevede, già dal mattino, possibilità di locali rovesci o temporali, con maggiore probabilità su Alpi e Prealpi. Durante il pomeriggio è attesa la formazione di ammassi temporaleschi più estesi e organizzati a partire dai settori Occidentali, in lento spostamento verso Est con raggiungimento dei restanti settori della regione entro la serata. Su gran parte del territorio sussiste una moderata probabilità di fenomeni intensi con possibilità di precipitazioni abbondanti e persistenti, specie lungo le Prealpi. Sulla pianura e sull'Appennino si segnala il pericolo di precipitazioni abbondanti (anche grandine di medie-grosse dimensioni su Pianura Orientale), ma con una fenomenologia che ad oggi è vista locale/sparsa. Ovunque sono possibili forti raffiche di vento in accompagnamento ai temporali. Riguardo le cumulate di pioggia attese: locali punte oltre 50 mm nelle 6 ore e fino a 80-100 mm nelle 12 ore, ad oggi con maggiore probabilità a ridosso dei settori prealpini.

Documenti correlati